FOGGIA – Rispondendo a obiettivi e finalità comuni – quali ricerca scientifica, missione pedagogica e culturale, educazione alimentare, campagne informative in favore di uno sviluppo realmente eco-sostenibile – Università di Foggia, Club Unesco per Foggia, ASL Foggia, Associazione Dieta Mediterranea Ancel Keys – Pioppi e Camera di Commercio di Foggia questa mattina hanno sottoscritto un protocollo d’intesa finalizzato alla nascita di un Centro studi internazionale della Dieta Mediterranea.
Si tratta del primo centro studi del settore costituito in Capitanata, un polo scientifico e culturale che sarà operativamente disciplinato dall’accordo siglato oggi – durata annuale, rinnovabile – a cui ha dato il proprio patrocinio anche la Regione Puglia – Assessorato alle Politiche agricole che in futuro dovrebbe aderire al progetto come partner, al pari delle istituzioni che l’hanno formalmente costituito.

GUARDA IL TG DELL’AGRICOLTURA PUGLIESE, CLICCA QUI

Il Centro studi internazionale della Dieta Mediterranea si occuperà di promuovere il modello alimentare della Dieta Mediterranea (dal 2010 nella lista dei beni protetti dall’Unesco, come patrimonio immateriale dell’umanità) attraverso l’illustrazione, la promozione e l’applicazione delle sue valenze qualitative, culturali, storiche, istituzionali e territoriali, ma anche di svolgere una serie di specifiche attività: studi per la valutazione dell’efficacia della Dieta Mediterranea; , divulgazione, formazione e campagne di sensibilizzazione circa gli aspetti nutrizionali della Dieta Mediterranea; ricerca applicata mettendo a disposizione i saperi e le competenze acquisite attraverso le esperienze confluite all’interno del Centro studi; sviluppo di piani di comunicazioni adeguati alla divulgazione dei benefici della Dieta Mediterranea; promozione per un forte orientamento al consumo consapevole e allo sviluppo eco-sostenibile (se non addirittura indispensabile).
«Abbiamo proposto questo protocollo all’Università di Foggia e agli altri partner – ha spiegato la dott. Floredana Arnò durante la conferenza stampa di presentazione, tenuta oggi nella sala consiglio al sesto piano di Palazzo Ateneo – per ampliare conoscenze e benefici di un modello alimentare che, lo ricordiamo, circa sette anni fa è stato riconosciuto patrimonio immateriale dall’Unesco. Questa collaborazione ci consentirà di presentare la Dieta Mediterranea per ciò che in realtà è, ovvero un pensiero culturale che non riguarda esclusivamente chi ne fa ricorso ma anche chi vuol rinunciare, con coscienza e oggettività, allo smodato ricorso al cibo che si fa nel mondo cosiddetto “sviluppato”. La Dieta Mediterranea è soprattutto questo: una specie di scuola di formazione, una scuola culturale che non vuole insegnare nulla se non a guardare meglio a ciò di cui ci nutriamo, e soprattutto a come lo facciamo. Non escludiamo – ha aggiunto la dott.ssa Arnò – di raccogliere strada facendo altri partner e promotori, istituzioni ed enti che condividano con noi la necessità di fornire un punto di riferimento per quanto riguarda la Dieta Mediterranea».
Alla conferenza stampa sono intervenuti la prof.ssa Milena Sinigaglia, Prorettrice dell’Università di Foggia; la dott.ssa Floredana Arnò, presidente Club per l’Unesco di Foggia; il dott. Vito Piazzolla, direttore generale Asl Foggia; il dott. Alessandro Notaro, presidente Associazione Dieta Mediterranea Ancel Keys – Pioppi; e il presidente della Camera di Commercio Foggia dott. Fabio Porreca. «Un momento culturalmente importante quello di stamattina – ha detto la Prorettrice vicaria dell’Università di Foggia, prof.ssa Milena Sinigaglia –. Siamo felici di farne parte, e anche del fatto che al progetto si stiano aggregando soggetti molto attivi e importanti come la Regione Puglia. Tengo personalmente a ribadire che qui non è in discussione solo la corretta alimentazione della nostra e delle generazioni future, ma proprio un radicale avvicendamento culturale che faccia più attenzione a i bisogni reali. Per questo sarà importante il coinvolgimento, da parte del Centro studi, delle scuole elementari e medie. Noi vogliamo che questa iniziativa sia piena di stimoli culturali e scientifici, di questo c’è bisogno soprattutto per attrarre i ragazzi di oggi che saranno le donne e gli uomini di domani». Grazie alle competenze acquisite e alle sinergie fra i Dipartimenti di Area Medica e il Dipartimento di Scienze agrarie, quindi alla preziosa collaborazione coi partner e al know how che metteranno a disposizione, il Centro studi garantirà un forte impulso alla ricerca potenziando di fatto le risorse intellettuali messe a disposizione per affrontare un tema molto attuale. «Per questa ragione – ha concluso la Prorettrice – questo Centro studi sarà diverso dagli altri, perché al suo interno abbiamo messo i saperi di tutti e la concretezza del mondo accademico, con lo scopo di allestire una cabina di regia che sia davvero di aiuto per tutti».
Tra gli organismi che coordineranno e garantiranno il lavoro del Centro studi internazionale della Dieta Mediterranea, è prevista la costituzione di un gruppo paritetico di monitoraggio che sarà presieduto dal Club Unesco per Foggia: si riunirà una volta al mese, detterà le linee guida di intervento e scandirà le attività di studio, ricerca e promozione della Dieta Mediterranea.