Nel 2003, fu “La Grande Provincia” a dedicargli un articolo a tutta pagina: già da allora, Antonio Pompa Baldi, foggiano doc classe 1974, diplomatosi al Liceo Classico Lanza e al Conservatorio Umberto Giordano di Foggia, era diventato uno dei pianisti più apprezzati del mondo, con le reti televisive di Stati Uniti e Canada che dedicavano dirette televisive seguite da milioni di persone. Ieri, martedì 9 gennaio 2018, in occasione dell’inaugurazione della 48esima stagione concertistica degli Amici della Musica di Foggia, il sindaco Franco Landella ha ricevuto Antonio Pompa Baldi a Palazzo di Città e gli ha consegnato una targa, simbolo della riconoscenza della comunità foggiana a un proprio “figlio” che dà lustro al nome della città con una attività concertistica e didattica di grandissimo prestigio che lo ha portato a esibirsi sui più importanti palcoscenici del mondo.

All’incontro sono intervenuti anche il presidente, il vicepresidente vicario e il direttore artistico degli Amici della Musica di Foggia, Domenico Berlingieri, Enrico Sannoner e Domenico Losavio, con il consigliere dell’associazione Vittorio Fabbrini ma anche i genitori di Antonio Pompa-Bladi, papà Paolo e mamma Luigia De Peppe, che il primo cittadino ha elogiato ricordando il valore della famiglia nella formazione dei giovani e l’importanza dei sacrifici che i genitori compiono per far progredire i figli nel mondo dello studio, del lavoro, della Cultura e dello Sport.

Antonio Pompa-Baldi ha ringraziato il sindaco e la comunità per la targa ricevuta e si è detto felice per il rapporto con la sua città natale dove -ha sottolineato- è sempre molto contento di tornare e non solo per gli affetti e le amicizie che qui conserva.

Antonio Pompa-Baldi, nato a Foggia nel 1974, si è affermato a livello internazionale dopo le vittorie di prestigiosi premi ai concorsi Van Cliburn, Cleveland, e Marguerite Long, precedute da quelle in Italia ai concorsi Arcangelo Speranza, Francesco Durante e Rina Sala Gallo.

Il suo primo Maestro è stato Vittorio Sannoner. Ha poi continuato gli studi con Fioravante Rinaldi al Conservatorio “Giordano” di Foggia. Dopo il diploma è stato allievo di due grandissimi didatti e pianisti come Annamaria Pennella ed Aldo Ciccolini. Tra le tante città toccate nelle sue tournèe figurano New York, Parigi, Londra, Stoccarda, Tokyo, Seoul, Pechino, Shanghai, Los Angeles, Chicago, Boston, Milano, Auckland, Philadelphia, Miami, Johannesburg, Città del Capo. Ha riscosso enormi successi suonando alla “Carnegie Hall” di New York sia in recital sia con orchestra. Collabora regolarmente con grandi direttori tra cui Hans Graf e James Conlon. Ha eseguito il ciclo integrale dei concerti di Rachmaninoff con la Filarmonica di Città del Capo, in Sudafrica. Ha inaugurato il primo festival Lang Lang a Shenzhen, Cina, su invito del famoso pianista cinese. Ha eseguito in tre serate i cinque concerti di Beethoven con la Filarmonica di Fresno ed il maestro Theodore Kuchar. Pompa-Baldi è stato il protagonista di due documentari televisivi trasmessi dalla televisione pubblica americana e canadese e si è esibito più volte per la televisione nazionale francese. I suoi concerti dal vivo e dischi vengono regolarmente trasmessi dalle stazioni radio di tutto il mondo. La sua discografia conta oltre 20 CD per “Harmonia Mundi”, “Centaur” e “Steinway Label”. Nel 2003, Pompa-Baldi ha ricevuto due prestigiosi riconoscimenti: il titolo di “Artista Steinway” e la nomina, per chiara fama, come “Distinguished Professor of Piano” al Cleveland Institute of Music, dove insegna tuttora. Nell’estate del 2006 gli è stato conferito il titolo di Professore Onorario del Conservatorio Nazionale Cinese di Pechino e nel 2015 lo stesso riconoscimento dall’Università di Wenzhou. E’ regolarmente invitato nelle giurie dei concorsi pianistici più prestigiosi, tra cui il Cleveland International, l’Hilton Head, il Grieg di Bergen, l’ECompetition di Minneapolis, e a tenere masterclass in tutto il mondo. Dal 2015 è ideatore e direttore artistico del Todi International Music Masters, un festival pianistico e pedagogico che attrae giovani aspiranti concertisti da tutto il globo.