FOGGIA – Se per tutti l’inizio del nuovo anno, dopo aver tirato le somme di quello passato, è carico di nuove ambizioni e buone cause, anche in ambito artistico c’è spazio per tante interessanti proposte. Da ogni territorio, così come da quello foggiano, siamo abituati a sentire di idee e innovazioni creative che riescono a diffondersi anche oltre i confini regionali, ma il passaggio non è sempre così diretto. Sicuramente la passione, la voglia di esprimersi e condividere una “visione” è un buon modo per cominciare. “Il Palpito dell’Uno”, progetto musicale emergente originario di Troia, che fonde in modo del tutto curioso lo stile cantautorale e il genere elettronico, cerca così di guardare sempre oltre ogni obiettivo ed è così che questa volta vuole rilanciarsi con “Ripartiamo da Berlino”. Nato agli inizi del 2016, dall’idea di Giambattista Ciarmoli e Francesco Lattorre, il giovane duo tastiere-voce e batteria-synth, ha pubblicato inediti autoproducendo la demo “Canzoni inDirette”, l’album “Forme Canzoni” e a dicembre 2017 è uscito il nuovo “Fotografie”. Nell’epoca della velocità e della diffusione istantanea di immagini, l’ultimo lavoro con tre nuove canzoni e una sorprendente collaborazione con il rapper Nogi, si compone di suggestioni, sensazioni e stati d’animo impressi in suoni e testi ricercati e piacevoli, destinati però a rimanere nel tempo. Come per tutti i numerosi video, poi anche il recente format “Post scriptum – narrazioni post-elettroniche”, disponibile sulla loro pagina Facebook, ha l’intento di stabilire relazioni provando a costruire dialoghi non solo virtuali con il pubblico di ascoltatori.

LEGGI ANCHE “REC24, 7 MILIONI DI PERSONE RAGGIUNTE NEL 2017” (link)

L’appuntamento è quindi, con una nuova formazione live, in cui si aggiunge Mattia Ciarmoli, alla sessione drum e Giuseppe Tredanari al basso, il 19 gennaio all’“Unida” di Biccari e il 20 gennaio al “Sans Façon” di Troia. Nei loro concerti, oltre alla loro ultima produzione, si potrà ritrovare una vera e propria esperienza coinvolgente, che accompagna alla riflessione e diverte, come ci si augura per il resto del 2018.