L’Università di Foggia va oltre l’Erasmus. È l’unico Ateneo in Italia ad offrire l’opportunità a 15 studenti del corso di laurea in “Scienze e tecnologie biomolecolari” di frequentare una Summer School in Inghilterra molto prestigiosa della Kent University, ideata e coordinata da un leader mondiale nel campo della citogenetica, il Professor Darren Griffin, scienziato e genetista che ha effettuato la prima diagnosi di anomalia citogenetica in embrioni in vitro. Gli studenti partiranno per Canterbury domenica 17 giugno e torneranno il 2 luglio. Impareranno a manipolare gameti, a creare gli embrioni in vitro, potranno osservare l’analisi citogenetica e la determinazione del sesso su singola cellula. Non dovranno sostenere alcun costo, in quanto la summer school in “Molecular Biology and IVF” sarà completamente gratuita per loro (le spese sono a carico dell’Università di Foggia, che a sua volta si avvarrà di risorse derivanti da progettualità e bandi aggiudicati al Settore Relazioni Internazionali dell’Ateneo).

Selezionati esclusivamente per merito, a partire saranno Miriam Pia Penza, Oriana Di Domenico, Mirko Tamma, Irene Catalano, Michela Rosiello, Chiara Di Iorio, Myriam Magnatta, Iman El Ouardi, Adele Pia Biasco, Nicola Curci, Francesca De Vita, Christian Famiglietti, Andrea Guastamacchio, Maria Incoronata Trecca e Paolina Di Biase: dieci donne e cinque uomini che si accingono a vivere un’esperienza davvero unica, nel senso letterale del termine poiché l’Università di Foggia è la sola in Italia ad offrire (gratuitamente) questa opportunità ai suoi studenti. Durante la loro permanenza a Canterbury, gli studenti UniFg studieranno – in madre lingua, in quanto il corso di laurea in “Scienze e tecnologie biomolecolari” è stato strutturato con la possibilità di dare esami in inglese e quindi con la possibilità di conseguire il titolo bilingue per poterlo utilizzare adeguatamente nel mercato ormai globale del lavoro e delle scienze – le discipline della “Biologia molecolare” e le “Tecniche di fecondazione assistita” (teoria e pratica), compiendo un’emozionante full immersion in uno dei campus inglesi più qualificati e attrezzati nel campo della Genetica e delle Bioscienze.

Prima della partenza, la prof.ssa Claudia Piccoli, delegata del Rettore alle Relazioni Internazionali e all’Internazionalizzazione, il direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Lorenzo Lo Muzio e il Rettore dell’Università di Foggia Maurizio Ricci, nella Sala Consiglio di Palazzo Ateneo, hanno augurato ai ragazzi buon viaggio e buon divertimento (ma non troppo, perché dovranno superare le valutazioni, pena la restituzione della borsa).

Nel video la coordinatrice del corso di laurea in “Scienze e tecnologie biomolecolari” prof.ssa Claudia Piccoli e il Rettore dell’Unifg Maurizio Ricci.