Dopo la bella e convincente vittoria contro il Carpi, i rossoneri domenica sera (inizio ore 21,00) saranno di scena a Crotone contro la compagine guidata da mister Stroppa. Già, lo stesso Stroppa che ha guidato i rossoneri verso la scalata della Serie B e lo stesso che l’anno dopo sfiorò la zona play off nella stessa serie cadetta. Ma è anche lo stesso Stroppa che, subito dopo la sentenza che prevedeva ben 15 punti di penalizzazione per Agnelli e compagni, ha lasciato (senza troppe spiegazioni) il sodalizio rossonero per approdare in Calabria. Un addio non senza polemiche, perché Stroppa è stato accusato di aver abbandonato la nave in un momento di forte burrasca. Insomma, il Foggia affronterà quello che è stato, nel bene e nel male, il suo recente passato, un passato sicuramente non privo di emozioni.

Contro il Carpi il Foggia ha ottenuto i primi tre punti del suo campionato grazie ad un roboante 4-2. Vittoria ottenuta contro una formazione che, ai nastri di partenza, vede occupare gli ultimi posti della griglia. Il Carpi di questa stagione, infatti, si è indebolito rispetto a quello dello scorso campionato. D’altro canto, però, il Foggia ha affrontato gli emiliani senza tanti giocatori, alcuni dei quali titolarissimi come Iemmello, Galano, Deli, Mazzeo, Zambelli oltre a Gerbo, Agnelli e Floriano. Davvero tanta roba, anche se chi li ha sostituiti ha fatto la sua bella figura. In difesa, si sono tutti ben comportati considerando anche che Camporese e Tonucci hanno timbrato il cartellino delle marcature. Anche Martinelli (chiamato all’ultimo momento per il forfait di Zambelli) non è caduto nelle solite amnesie occupando il posto di Loiacono. A centrocampo, il play Carraro è stato più convincente nel recupero palla che nell’impostazione di gioco. Ai suoi lati, Busellato e Cicerelli hanno ben figurato, quest’ultimo realizzando anche un bellissimo gol. Kragl ha fatto il Kragl mentre il vero jolly è stato sicuramente Loiacono, schierato come esterno di centrocampo al posto di Zambelli. Una prestazione maiuscola sia in fase difensiva sia in quella offensiva condita anche da una marcatura. Vien da dire, il solito umile e grande Loiacono! Se vogliamo essere cattivi, solo il comparto offensivo non è stato molto incisivo. Chiaretti ha corso molto (soprattutto nel primo tempo) ma ha concretizzato poco così come Gori che sotto porta ha peccato di mancanza di lucidità.

Intanto, il mercato del Foggia continua a muoversi. Nicastro è passato alla Ternana mentre il difensore Cascione è stato dato in prestito al Cerignola. Con Celli c’è stata la risoluzione del contratto, sono in via di definizione le cessioni di Rubin e Fedato (quest’ultimo vicino al Piacenza).

La seconda giornata di Seria B si aprirà con l’anticipo di stasera (ore 21,00) fra Palermo-Cremonese. Sabato alle ore 18,00 c’è un interessante Spezia-Brescia mentre domenica alle ore 21,00 andrà di scena il match clou della giornata fra Lecce e Salernitana.

Per quanto riguarda il Foggia, a Crotone rientreranno dalla squalifica Mazzeo, Agnelli e Gerbo. Saranno ancora out Galano (ha ancora 2 giornate di squalifica da scontare), Floriano (squalificato) e gli infortunati Deli e Iemmello. Assenze pesantissime considerando che di fronte si avrà una corazzata costruita per la promozione diretta in serie A.

LA FORMAZIONE. In porta ci sarà Bizzarri. Davanti a lui, confermati Tonucci e Camporese mentre Loiacono riprenderà il suo posto sulla sinistra. A centrocampo, sugli esterni, a sinistra sarà schierato Kragl e a destra Gerbo se Zambelli non dovesse recuperare. Nel cuore della mediana Carraro sostituirà ancora Rizzo (non al 100% della forma) con ai lati i confermati Busellato a destra e Cicerelli a sinistra. In attacco, Mazzeo riprenderà il suo posto a scapito di Gori e sarà supportato da Chiaretti.

CROTONE, UNA CORAZZATA. Il Crotone, come detto, fa davvero paura (almeno sulla carta). La società ha da subito dichiarato la volontà di ritornare subito in serie A. Stoian, Faraoni, Benali e Molina a centrocampo e Budimir con Simy in attacco contribuiranno in maniera decisiva al raggiungimento di tale obiettivo. Contro il Foggia mancheranno lo squalificato Golemic (difensore centrale) e l’infortunato Barberis (centrocampista).

In Calabria i rossoneri saranno seguiti da 500 tifosi. Per quanto riguarda gli abbonamenti, invece, si è superata quota 7.300. Per numero di abbonamenti, il Foggia è dietro solo a Benevento e Verona.

Infine, una citazione per Grassadonia, che ben si è districato nell’emorragia delle assenze contro il Carpi. Anche le sostituzioni sono state azzeccate, soprattutto quando il mister ha deciso di far entrare Ranieri al posto di Cicerelli con lo spostamento di Kragl al posto dello stesso Cicerelli. A Grassadonia, però, va fatta una tiratina d’orecchio. A Crotone non potrà guidare i suoi uomini (al suo posto il secondo Russo) per la squalifica subita a causa dell’espulsione rimediata domenica scorsa. Espulsione comminata sul punteggio di 4-1 per i suoi uomini e a casa propria, episodio forse mai accaduto prima. Una sciocchezza che priverà Loiacono e compagni del loro condottiero nella battaglia contro il vecchio condottiero. E contro gli ex, si sa, la vittoria nella battaglia ha sicuramente un sapore più dolce.

Nicola Maggio

happy wheels 2 demo