ArchivioFoggiaIn Primo PianoSport

“Portiamo lo Zaccheria in giro per l’Italia”

Due curve. La Nord, dedicata a Franco Mancini, il portierone reggae; la Sud, nel nome di Piero e Matteo, col bandierone di Jim Morrison. Due curve che diventano una. Un tifo incessante, potente, che rimbomba nel petto, vibra come i gradoni dello Zaccheria, e poi esplode. Il boato. Come dopo il gol di Coletti in Foggia-Lecce 3-0. “Fovea Imperat”. Sugli spalti sicuramente. E negli occhi di chi non se l’aspetta. “Un amore così grande”. In curva, a Cesena, c’è chi si è commosso fino alle lacrime. Stessa scena a Vercelli e, prima ancora, a Empoli, Brescia, Carpi. Passione, amicizia, senso di appartenenza, voglia di vincere. Di gridare quel nome, Foggia, e di portarne i colori in giro per l’Italia. Di trascinare una città alla vittoria. “Si, va be’, ma in campo ci vanno i giocatori”. Certo, ma la differenza quel tifo la fa, eccome, allo Zaccheria e in trasferta. In 4000 a Cesena e settore ospiti pieno ovunque finora. Quelli di casa a strabuzzare gli occhi: “Questi cantano più di noi”. E quelli di Sky che impazziscono: “E’ un tifo da serie A”.

TUTTO QUESTO HA UN EFFETTO, mobilita una città su un obiettivo. Una città, una provincia, in realtà qualcosa di ancora più grande, che va oltre i confini della Daunia. Un popolo. Il popolo rossonero. Migliaia di persone, di ogni età. Donne ce ne sono tante, giovani, vecchi, precari, statali e bambini. La passione dei bambini è meravigliosa. Per le generazioni tirate su coi gol di Iemmello prima e a “pane e Mazzeo” dopo, le squadre a strisce della serie A non esistono, o comunque vengono dopo il coraggio indomito di Agnelli, la spavalderia di Vacca, la sciarpa e i simboli dei satanelli. E questo già dalla Lega Pro, figuriamoci in B, figuriamoci quando si va a comandare in casa di una squadra che ha vinto 7 scudetti.

BANDIERE DEL FOGGIA, BANDIERE DEL FOGGIA OVUNQUE. Ecco, con questa cosa dei tifosi foggiani del Nord è davvero difficile non cadere nella retorica. La cosa è troppo bella, e allora troppe parole rischiano di stonare. La verità è che non vedevate l’ora, sorelle e fratelli, amici, cugini, zii, parenti tutti, lavoratori, studenti, portieri d’albergo e muratori. Non vedevate l’ora di cantare Foggia alè negli stadi delle regioni in cui vivete, lavorate e sognate. E di dire ai vostri amici “Questi siamo noi, questa è Foggia”. Con l’orgoglio di mostrare la passione di un popolo. Ne parla tutta Italia. Su youtube ci sono decine di video a mostrare lo spettacolo dei foggiani in trasferta. Si complimentano anche le tifoserie rivali. Il bello è che la squadra è seguita e sostenuta come fosse la capolista. Ha ragione Stroppa a esortare tutti, “non perdiamo questo entusiasmo”. Non perdiamolo. Portiamo lo Zaccheria in giro per l’Italia.

IL LINK DIRETTO AL VIDEO DI ULTRAS WORLD

Tags
Mostra tutto

Related Articles

Back to top button
Close